Content Marketing: l’esperienza Halloween

Il Content Marketing continua a evolversi e adattarsi alle nuove tendenze, e Halloween non fa eccezione. Nel 2023, le aziende hanno spinto i confini della creatività con idee pazze e originali per attirare l’attenzione del loro pubblico durante la stagione spettrale. In questo articolo, esploreremo le idee più fuori dal comune che hanno catturato l’immaginazione del pubblico durante Halloween.

Il Countdown dell’Orrore su TikTok

Con l’esplosione della popolarità di TikTok, le aziende hanno colto l’opportunità di creare contenuti brevi e coinvolgenti. Per Halloween 2023, molte hanno lanciato un “Countdown dell’Orrore”. Ogni giorno, un breve video mostrava una nuova anticipazione o uno spaventoso indizio legato a un grande annuncio finale. Questo approccio ha alimentato l’anticipazione e ha mantenuto il pubblico coinvolto ogni giorno, creando un’esperienza unica e coinvolgente.

Storie Interattive su Instagram

Le storie su Instagram sono sempre più utilizzate dalle aziende per coinvolgere il pubblico in modo diretto. Per Halloween, alcune aziende hanno preso questa idea un passo avanti, creando storie interattive con scelte “spaventose”. Gli utenti potevano votare su quale percorso seguire nella storia o prendere decisioni chiave che avrebbero influenzato lo sviluppo della trama. Questa forma di coinvolgimento ha generato un maggiore interesse e ha reso il pubblico parte integrante della narrazione.

Il Labirinto Virtuale su YouTube

Alcune aziende hanno sfruttato la potenza di YouTube per creare un’esperienza unica. Hanno realizzato un labirinto virtuale, un video interattivo in cui gli spettatori potevano decidere quale strada prendere nei momenti cruciali. Mentre il pubblico navigava attraverso il labirinto, venivano presentati prodotti o servizi aziendali in modo creativo e spaventoso. Questa forma di intrattenimento coinvolgente ha attirato l’attenzione e ha aumentato la visibilità del marchio. Anche aziende a budget ridotto come le PMI si sono potute cimentare in questa esperienza. D’altra parte non è necessario avere accesso alle strutture di Hollywood per realizzare un video inquietante. Con gli smartphone di oggi e le applicazioni di editing facili da utilizzare, creare il tuo film è molto più semplice che mai. Ma ovviamente, ottenere aiuto da videografi professionisti ed editor video non farebbe male.

Con una bella storia, una cinematografia straordinaria, una musica inquietante ed effetti sonori tempestivi, il video può diventare virale online e migliorare il ricordo del marchio e delle attività locali.

C’è stato anche chi ha risolto il problema della produzione e post produzione diretta di video facendoli realizzare direttamente dagli utenti con una sorta di concorso a premi per il miglior cortometraggio horror.

Imposta un tema o chiedi ai registi di incorporare un prodotto o servizio specifico nella loro storia per promuovere il tuo marchio. Insieme ai premi come il miglior cortometraggio horror, la migliore colonna sonora e la migliore cinematografia, aggiungi premi per la maggior parte dei Mi piace sui social media per incoraggiare la condivisione di video.

Podcast Horror Personalizzati

I podcast sono diventati un mezzo sempre più popolare per il content marketing. Per Halloween, alcune aziende hanno preso questa tendenza e l’hanno adattata creando podcast horror personalizzati. Gli ascoltatori potevano fornire dettagli personali come nome, luogo e interessi, e in cambio ricevevano un episodio personalizzato in cui il protagonista si trovava in una situazione spaventosa legata al mondo del marchio. Questa idea unica ha reso il marchio parte integrante di una storia personalizzata, aumentando l’engagement del pubblico.

Realtà Aumentata su Snapchat

Snapchat, con la sua tecnologia di realtà aumentata, è stato il terreno di gioco perfetto per alcune aziende durante Halloween. Hanno creato filtri e lenti spaventose legate al proprio marchio, incoraggiando gli utenti a condividere foto e video usando questi elementi. Questa tattica non solo ha contribuito a diffondere il marchio attraverso le condivisioni degli utenti, ma ha anche fornito un’esperienza divertente e coinvolgente.

In conclusione, le aziende hanno dimostrato una creatività straordinaria nel campo del light weight content per Halloween nel 2023. L’uso intelligente di piattaforme emergenti e tecniche interattive ha consentito loro di connettersi in modo unico con il loro pubblico durante questa festività spettrale. La lezione da imparare è chiara: nel mondo del content marketing, pensare fuori dagli schemi e adottare approcci innovativi può portare a risultati straordinari.

L’anno scorso, ad esempio, Fanta ha rilasciato obiettivi e filtri Snapchat come parte della campagna Frightening Fanta . I pacchetti Fanta in edizione limitata contenevano codici QR che fornivano l’accesso a filtri e obiettivi Snapchat esclusivi. Le lenti includevano trasformazioni di un pipistrello inquietante, di una zucca carina e di teschi spettrali.

Post sui costumi generati dagli utenti

I concorsi di post-costumi offrono molti vantaggi a qualsiasi azienda. Per prima cosa, incoraggia le persone a essere creative con un tema fornito, preferibilmente collegato al tuo marchio.

Inoltre, questa strategia offre un altro vantaggio: anche gli amici e i follower degli utenti che caricano vedono i contenuti generati dagli utenti gratuitamente. Questi post massimizzano gli effetti virali del tuo marchio sui social media a costo zero (o quasi).

Anche alcune grandi aziende utilizzano post in costume per promuovere la propria attività ad Halloween. Dunkin’ Donuts , ad esempio, aveva precedentemente lanciato un concorso di costumi chiamato #DunkinDressUpContest. Ne sono venute fuori creatività carine e interessanti come persone vestite da tazze di caffè ghiacciato o ciambelle glassate con confettini.

(Se ti è piaciuto questo contenuto e vuoi scoprire altre risorse gratuite sul marketing che ti possono aiutare a far crescere il tuo business clicca qui per mettere “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook e resterai sempre aggiornato sulle novità che pubblichiamo)